Esempio di progetto urbano, superkilen, Copenhagen

PROGETTO URBANO: COSA SIGNIFCA

Condividilo con i tuoi amici

 COMPRENDERE E CONOSCERE IL PROGETTO URBANO

Per poter comprendere il significato, il valore e il motivo del progetto urbano è essenziale conoscere e fare propria l’idea di buona città. In questo ci da un grande aiuto Lynch:

“La buona città è quella in cui viene conservata la continuità pur permettendo un cambiamento progressivo. Il bene fondamentale è il continuo sviluppo dell’individuo o del gruppo ristretto o della loro cultura. Se la vita dell’uomo è un continuo stato di divenire, la sua continuità si fonda sulla crescita e sullo sviluppo, e ancora, se lo sviluppo è un processo in divenire di sempre maggiore competenza e coerenza, il senso di appartenenza a un determinato ambiente nello spazio e nel tempo è un aspetto della crescita. In tal modo un insediamento è buono quando rafforza il senso di continuità di una cultura e la sopravvivenza delle persone che lo abitano, aumenta il senso di appartenenza nel tempo e nello spazio e permette o stimola la crescita individuale, lo sviluppo all’interno della continuità attraverso la massima apertura e connessione.”1

 

Esempio di progetto urbano, superkilen, Copenhagen

DEFINIZIONE

Dare una definizione di “progetto urbano” è ancora oggi complicato, questo è generalmente associato ad un progetto urbanistico che si addentra fino alla definizione di spazi e luoghi alla scala architettonica. Di vero c’è che sicuramente è un punto di connessione tra la scala urbanistica e la scala architettonica e che trova, in parte, origine nella crisi dei piani urbanistici generata dalla volontà di dare maggior peso alla forma, a discapito dei numeri e degli standard dettati dagli strumenti urbanistici.

La causa della difficoltà della sua definizione è da attribuire alla sua flessibilità e possibilità di adattarsi e svilupparsi in maniera differente a seconda del contesto in cui si applica, non è un metodo definibile a priori e il risultato è un progetto che porta in sé numerose alternative di esecuzione.

OBIETTIVI DEL PROGETTO URBANO

Il progetto urbano si pone come obiettivo il miglioramento della qualità urbana, a cui segue il miglioramento della vita di chi abita il luogo. Opera in prima istanza sugli spazi di connessione tra le architetture, lo spazio urbano pubblico, che è “il luogo in cui si produce la realtà collettiva della città”2, si concentra su quel luogo fondamentale in cui vige un perfetto equilibrio tra l’estensione dello spazio privato e la condivisione dello spazio pubblico.

Qui assumono valore le connessioni, la condivisione, il valore del senso civico e il rispetto della “cosa pubblica”. Si avvale del disegno del paesaggio urbano, impone predisposizioni morfologiche e funzionali e definisce le regole entro cui si muoveranno i futuri interventi architettonici, evitando che lo spazio si sviluppi secondo un alternarsi di edifici individuali ed autoreferenziali e spazi di risulta. Non esistono spazi di risulta, esiste il progetto consapevole del palcoscenico della vita urbana finalizzato all’armonia, alle relazioni e al comfort.

“Il progetto urbano è quindi il luogo di frontiera tra controllo e flessibilità, tra processo e progetto, tra progetto urbanistico e progetto architettonico”.3

Le analisi preliminari e la conoscenza del contesto sono fondamentali per la buona riuscita del progetto urbano, devono considerare i cambiamenti degli stili di vita, quelli spaziali e sociali, in un’ottica temporale a lungo termine; lo spazio generato deve essere in grado di cambiare e di evolversi con essi.

COESISTENZA CON I CAMBIAMENTI CLIMATICI

È importante osservare che adattarsi ai cambiamenti, oggi significa considerare anche gli effetti che il cambiamento climatico produce sullo spazio urbano, la chiave è trasformare ogni possibile minaccia alla stabilità di uno spazio in una risorsa che rende possibile un cambiamento positivo, una vera e propria evoluzione. Qui entrano in gioco i temi di sostenibilità, risparmio energetico, manutenibilità e durabilità, che affiancati ai più tradizionali metodi di sviluppo urbano sono fondamentali per la creazione di uno spazio che abbia senso spaziale e temporale.  È vitale e doverosa la capacità di accogliere e non respingere il corso della natura per evadere da altrimenti inevitabili esiti distruttivi. Per conoscere di più sulle possibilità di adattamento delle città ai cambiamenti climatici, leggi questo articolo.

Il progetto urbano permette e necessita di una visione strategica della città nel suo complesso, sulla quale agisce attraverso il costante riferimento a tecniche e strumenti multidisciplinari. Si fonda su una relazione indissolubile tra visione globale e scala locale.

 

Rimani sempre aggiornato visitando la nostra home!

 

Note:

1 K. Lynch, Good City Form, MIT press, 1981, edizione italiana progettare la città, ETAS libri Milano 1990.

2 Oriol Bohigas

3 L. V. Ferretti, L’architettura del progetto urbano. Procedure e strumenti per la costruzione del paesaggio urbano, Franco Angeli, 2012

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CHI SIAMO

Archi-blog è uno spazio nato per condividere con appassionati e non, conoscenze, curiosità e riflessioni sui molteplici volti dell’architettura.

SOCIAL

archi blog su instagram

CONTACT US​

Viale Umberto I, 13 Formello, Roma 00123

+39 342 036 4081 | [email protected]

Privacy Policy Torna su